Garzaniti M.

Accent in slavic languages

Sec. --

Nell’accento, almeno in una prima fase, lo slavo comune appare strettamente imparentato al baltico. Nel passaggio dallo slavo comune alle lingue slave moderne si osserva la presenza di alcuni tratti specifici. La loro presenza, tuttavia, non è sempre facilmente riconoscibile perché essi subiscono una serie di adattamenti o semplificazioni strettamente connessa ai cambiamenti fonetici e morfologici, nel processo di differenziazione sia delle lingue sia delle parlate. Lo studio dell’accento nelle lingue slave nel contesto dell’indoeuropeo è stato oggetto di ampie e approfondite ricerche negli ultimi decenni, e rappresenta un aspetto fondamentale per la comprensione del processo di differenziazione delle lingue slave moderne.

Bibliografia: Vaillant (1950-77); Ch. Stang, Slavonic Accentuation, Oslo 1957; P. Garde, Histoire de l’accentuation slave, Paris 1976; E. Stankiewicz, The Accentual Patterns of the Slavic Languages, Stanford (ca) 1993.


Di: Garzaniti M.
Copyright dell'autore