Cilento A.

Dimitri Obolensky and the byzantine commonwealth

Sec. XX

Con questa espressione, coniata da D. Obolensky (1918-2001), storico appartenente all’emigrazione russa, in un suo famoso studio del 1971, si usa indicare il sistema di rapporti politici, diplomatici ed economici teorizzato a Bisanzio per regolare le relazioni con altri Stati, sia arabi sia dell’Europa balcanica, centro-orientale e orientale. L’analogia con la confederazione degli Stati sottoposti all’impero britannico in età moderna nasce dal fatto che nelle fonti bizantine del x secolo numerosi Stati sono definiti “fratelli” e dunque legati da un vincolo di alleanza e collaborazione con Bisanzio a patto che riconoscessero l’autorità suprema del basileus. Ai rapporti fra Bisanzio e gli slavi ha dedicato importanti saggi un altro esponente dell’emigrazione russa, G. Ostrogorsky (1902-1976). 

Bibliografia: Obolensky (1974); G. Ostrogorsky, Byzanz und die Welt der Slaven. Beiträge zur Geschichte der byzantinisch-slawischen Beziehungen, Darmstadt 1974.


Di: Cilento A.
Copyright dell'autore